Crescere é una grande avventura

Non sono di certo una persona che quando vede un bambino alza la voce di tre ottave e comincia a comunicare con monosillabe andando in iperventilazione. Allo stesso tempo però mi commuovo facilmente se in un bambino osservo un lento ma inevitabile processo di formazione.  Fare la mamma significa anche assistere alla costruzione di un carattere, di una personalità e avere un grande potere e responsabilità di indirizzare tale crescita. La scelta dei mezzi in questo caso è fondamentale, insegnare attraverso il gioco, l’arte e interazione richiede tempo, attenzione e presenza. Se ho scoraggiato qualcuno dal procreare, abbiate fede, si fa, tutto si fa, basta crederci e in qualche modo si trovano il tempo e le risorse. Avere un bambino è un esperienza che ti svuota e riempie allo stesso tempo, scuote l’anima , non tutti lo vogliono, non tutti se la sentono, li capisco, ma io non c’avrei rinunciato per nulla.

Tutto questo ho pensato stamattina alla notizia che nella notte gelida è nata Irene, la figlia dei nostri cari amici..benvenuta al mondo, piccola.

Volevo anche parlarvi di un libro molto bello che tocca i temi importanti e difficili, come pregiudizi, perdono e l’importanza di mantenere le promesse. “Lukas e Lilli” di Traute Kolbe e Tom Schenk  ci è arrivato dalla Germania (in versione bilingue Italiano/Tedesco, con allegato il CD con la versione letta , oltre le lingue menzionate, in Inglese, Francese e Spagnolo). Tom Schenk è un scenografo olandese, illustratore e ex ballerino. Nelle sue acquarelle per “Lukas e Lilli” traspare l’esperienza teatrale e il fatto che lavorava con i grandissimi coreografi, si sente la dinamica e movimento, apprezzo molto l’uso del colore moderato e un approccio serio senza il bisogno disperato di “piacere ai bimbi” che appartiene a tanti illustratori, che io chiamo, “da supermercato”. Traute Kolbe invece ha scritto una storia toccante, semplice, ma priva di sentimentalismi. Il luccio Luca si sente solo e vuole trovare amici, pur essendo pesce predatore con gentilezza e compassione aiuta Lilli, piccola anatra persa, a ritrovare la sua famiglia. Lilli li fa una promessa d’amicizia che non riesce a mantenere. Dopo arriva una scena che mi ha conquistato e che vorrei che fosse rimasta impronta nella mente dei miei figli.

“Per favore, Luchino, non andare via”, dice la piccola anatra in tono carezzevole, “anch’io voglio essere tua amica”. Luca ci pensa un attimo: “Troppo tardi, Lilli. Le promesse vanno mantenute.” “Sì, lo so, Luchino, ma era solo perché avevo paura di te, visto che sei un pesce predatore. Ma ora so che sei un fantastico compagno di giochi. Per favore, perdonami e lascia che sia tua amica!” Luca riflette un momento. “Beh, va bene, se veramente ti dispiace, non voglio essere permaloso. Dai, vieni a giocare con noi!” Da allora Luca, Max e Lilli si trovano tutti i giorni, puntualmente alle quattro. E se non sono morti, giocano ancora oggi..

L’ultima frase è una maestria.

 

Annunci
Lascia un commento

12 commenti

  1. Davvero interessante. Fare la mamma mi ha fatto conoscere una nuova parte di me…la più profonda.

    Rispondi
    • Grazie Elena. Sentire più paura per loro che per me.. è stata una scoperta sconvolgente..

      Rispondi
  2. lemiestraneidee

     /  12/02/2013

    Bello … sono sempre alla ricerca di libri per le mie bambine che li divorano … trovare bei libri non è sempre facile, almeno … io non ne ho la capacità, ormai scrive chiunque (persino una come me …. ohi… ohi …). Sul tuo blog trovo ottimi spunti … titoli che mi incuriosiscono sempre e recensioni di libri molto belli che non conoscevo 🙂 … grazie !!

    Rispondi
    • Mi fa piacere 🙂 Hai ragione, siamo sommersi dalla letteratura “usa e getta” e tanti pensano che la cosa più facile del mondo è scrivere un libro per bimbi..sarebbe troppo bello se fossero persone come te! Ho letto delle cose terribili che nessuno mai dovrebbe leggere…”Che orrore, che orrore!”

      Rispondi
  3. Bello!!!!! volevo informarti che oggi ho assegnato i miei Liebster Award e ho voluto darlo anche a te! i tuoi post mi fanno compagnia ogni giorno e sono sempre fonte di ispirazione e divertimento, continua cosi!!! ciao ciao Raffaella

    Rispondi
  4. Proprio bello e interessante….pensa che tempo fa avevo intenzione di fare la disegnatrice di libri per bambini…
    E’ una cosa che ancora oggi mi attira molto….(mi sa che resterà nell’ennesimo cassetto)

    grazie
    .marta

    Rispondi
  5. Dear Iwona
    Thank you so much for the lovely compliments!
    I’m flattered and thrilled.
    Let’s hope the book will go far.
    Best regards
    Tom Schenk

    Rispondi
    • What a wonderful surprise! I absolutely love the book and I am sure it has the necessary potential to become a classic. I admire you work and hope to read and contemplate your future literary collaborations really soon. My best wishes, Iwona

      Rispondi
  6. solounoscoglio

     /  13/02/2013

    mi piacciono molto le illustrazioni dl libro, sarà che amo gli acquarelli.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: