Piccoli cambiamenti grande differenza

Wind of change, my friends! Oggi sento un aria primaverile, con il cinguettio degli uccellini sullo sfondo, guardo gli alberi sempre più verdi attraverso le mie finestre finalmente pulite e brillanti.

Ho bisogno di cambiamenti, anche di piccolo calibro. Mi serve un setaccio metaforico, per scrollarmi addosso le cose che mi pesano, e magari finalmente selezionare le persone che mi stanno circondando e mandare a quel paese quelle tossiche, ipocrite e immorali. Chiaro.

Vorrei tranquillizzare mio marito e figli, i cambiamenti non vi riguardano, non intendo scambiarvi, cambiarvi o sostituirvi, siete perfetti come siete. Lo so, lo so, anch’io..magari ancora di più, con 5 kili in meno..

Il cambiamento parte sempre da noi stessi è l’unica cosa certa. Può essere anche piccolo, impercettibile per altri. Prima di tutto il fisico. Ragazzi, ci rimettiamo in forma? Parlo a voi, che come me, non solo rimandate le diete a domani ma in più mangiate male e veloce. Proviamoci, che ne dite? Verdura, frutta, carne e mezz’ora di esercizi ogni giorno, così cominciamo, facciamo il primo passo, il passo più difficile. Direi prima perdiamo il peso fisico e seguirà quello simbolico.

Ve lo devo far vedere, non c’entra niente…apparentemente…insomma, ho comprato un gioco di legno (adoro i giochi di legno!!!) per Fede e Ale. Una famiglia di orsetti con sei cambi di vestiti ed espressioni. Eccoli qua. Notato? No?

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Guardate più attentamente. Visto? Ancora no?

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ecco. La mamma. Una realismo puro, come vedete la mamma orsa ha cinque espressioni invece di sei, tra cui tre la rappresentano sotto l’effetto di valium ( il sorriso assente) altre in picco della sua attività (incavolata, con gli occhi che si chiudono da soli, ma a lei, e solo lei, il sonno è negato ed infine un espressione di piacevole sorpresa, si vede che qualcuno ha stirato per lei).

 

Ricordo, stasera mi collego con voi grazie al mio potere di telepatia e alle 22.00 in punto facciamo tutti un’mezz ora di flessioni, estensioni e generalmente cerchiamo di capire a che cosa servono tutte queste giunture del corpo.

Annunci
Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

24 commenti

  1. Bellissimi gli orsetti in legno…adoro!

    Rispondi
  2. Restituisci subito quel brutto gioco o modifica le espressioni di quella sventurata!! No, no, non è possibile, mi riconosco nella mamma orsa!! Basta, da oggi si cambia. Grazie Iwona, sei stata ancora una volta illuminante 🙂

    Rispondi
    • hahaha! Hai capito? Ci riconosciamo tutte, mannaggia..Adesso si cambia, yes, we can! Un bacione 🙂

      Rispondi
  3. Che bello questo gioco! Sono un po’ fuori dal giro ma mi piacerebbe regalarlo (mi sembra adatto a bambini in età prescolare); lo trovo nei negozi specializzati in giochi in legno tipo “città del sole”?

    Rispondi
    • Fede, che ha poco più di tre anni, si diverte tantissimo. La parte più bella è che questo gioco è di legno con tutti i certificati ed è costato solo 5,99 (!) comprato a Lidl.

      Rispondi
  4. Orsetti sono adorabili! Mia suocera ha comprato lo stesso giochino ai miei con i topini ma erano ancora troppo piccoli e non n’è rimasto molto….. Peccato ora gli piacerebbe un sacco! Anche io sto cercando di ricordarmi di fare un po’ di yoga e qualche esercizio al giorno. Comincio con poco per abituarmi alla routine per poi aumentare. Faccio esercizio fisico e cerco di mangiare meglio non solo per il peso ma per la mia salute, a volte mi dispiace sinceramente per il mio corpo con tutte le schifezze che mangio ecc.

    Rispondi
    • Esatto. Certe volte giusto per calmare la fame si mangia le cose poco nutrienti e a volte neanche buone…Il gioco con i topini doveva essere delizioso 🙂 Mi piacerebbe conservare alcuni giochi perciò controllo spesso se mancano i pezzi a questi più amati (almeno così riesco rintracciarli sotto il divano, dentro portaomberlli, etc.). Un abbraccio!

      Rispondi
  5. Uh, quel gioco lo aveva anche la mia sorellina dieci anni fa: però era meno sessista !

    Rispondi
  6. Un “classico” questo giochino, praticamente un passaggio obbligato per i bimbi!

    Rispondi
  7. Va bene, mi associo all’impegno del cambiamento fisico. Chissà che con uno stimolo condiviso non riesca ad essere perseverante. Per l’esercizio fisico,nessun problema. Il cibo invece… !!!!!
    Bises, ora mi preparo per andare ad Aix en Provence, a pranzo con amici. Appunto!

    Rispondi
    • Ottimo!! Ieri ho cominciato, mi fa male qualche muscolo (anche se non ho neanche sudato, che mi fa capire come sono messa, eh..). A stasera allora.
      Il cibo..vero, qui la questione è più complicata..dopo pranzo una bella passeggiata però, mi raccomando 🙂

      Rispondi
      • Fatto ginnastica, fatto attenzione al cibo, fatto anche una passeggiata.
        Wow, già volo. Se non altro nell’umore. Merci

      • Bravissima! Andiamo avanti allora! Buona domenica 🙂

  8. Cambiamento in corso !!!!!!

    Rispondi
    • Brava!!! Io oggi sto meglio, prendere una decisione è la chiave del successo 🙂

      Rispondi
  9. Tieni duro! Un allenamento costante aiuta tantissimo.
    Da quando gioco a ping pong due/tre volte a settimana (si, però mi faccio due/tre ore di allenamento a botta..) sono dimagrita 6 chili in sei mesi e non li riprendo più! Posso permettermi ogni tanto di mangiare come uno scaricatore di porto! e anche qualche “schifezza”, ahahahah! 🙂
    Bacio.

    Rispondi
  10. Super gra. I dla mnie najfajniejsze,że jest drewniana, bez zbędnych udziwnień.

    Rispondi
    • To prawda. Dzieci nie maja problemow z przechodzeniem od zabawek supertechnologicznych do kawalka sznurka i kamyka, szkoda, ze to czasami rodzice maja z tym trudnosci 😉 Pozdrawiam!

      Rispondi
  11. Lo so che dipende solo da noi i cambiamenti che vogliamo, but sometimes we are physiologically conditioned by our surrondings of which we want desperately to change. Naturally using that as an excuse, and adding the financial problems on top, dieting becomes somewhat difficult.

    Rispondi
    • So true! However, one should always try, improve onself means improve one’s external conditions as well. Cheers!

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: