Waldorf Salad

Ogni volta che guardavo l’episodio di “Fawlty Towers” intitolato Waldorf Salad mi ripromettevo di provare la ricetta della celebre insalata creata dal maître d’hôtel Waldorf Astoria a New York, Oscar Tschirky, nel lontano 1893.  Ed eccoci qua! 120 anni dopo questo lieto evento davanti a me…una meraviglia di gusto. Adoro tutti gli ingredienti. Una ricetta facilissima e perfetta per questa stagione. Immagino che mangiata tirata appena dal frigo con un bel bicchiere di prosecco ghiacciato in dolce compagnia può avere effetto afrodisiaco…

Waldorf Salad

Ingredienti

1 mela, sedano (4/5 gambi)

uvetta, noci

limone

maionese (2/3 cucchiai)

sale, pepe

rucola (optional!)

4 mosse:

  1. Tagliare: la mela a dadi, il sedano a fettine
  2. Fate ammolare in acqua tiepida l’uvetta
  3. Mischiate la maionese con il  succo di limone, sale, pepe
  4. Mischiate tutti gli ingredienti con la maionese

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA 

 

John Cleese, Connie Booth,  The Complete Fawlty Towers, Da Capo Press, 2001

Annunci
Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

33 commenti

  1. pare buona.. peccato non riesca a farmi piacere il sedano 😦

    Rispondi
  2. Ma da dove l’hai presa l’idea delle “mosse” in cucina :)? Non riesco ad immaginarmi il sapore di questa insalata, ma la farò per mia figlia, visto che adora tutti gli ingredienti (anche se ho dei dubbi sulla maionese, visto che non la conosce). Sarebbe già la seconda ricetta che ti copio, dopo quella con tante uova sode. Dai, dai, mettine altre, che mi trasmettono tanta allegria. Un abbraccio

    Rispondi
    • L’intento è proprio quello, allegre mosse facili per ottenere il risultato sorprendente e gustoso 🙂 Il sapore è davvero unico, sicuramente sarà un piatto del estate a casa mia, fresco, dolce al punto giusto…whimsical! Baci!

      Rispondi
  3. Anch’io ho “problemi” col sedano, ma ci proverò! Sembra decisamente buona.

    Rispondi
  4. Alex

     /  20/04/2013

    Sembra deliziosa ! Forse è il mio lato francese, ma io aggiungerei un po’ di formaggio erborinato tipo Roquefort o Stilton 🙂
    Alex

    Rispondi
  5. Oh! Finalmente una cosa buona che posso fare persino io 😀

    Rispondi
  6. mmmm sembra davvero buonissima! la provo e ti faccio sapere! a presto ciao ciao

    Rispondi
  7. sembra buonissima la proverò…..ciao bella

    Rispondi
  8. Non ne avevo mai sentito parlare, ma amo sperimentare queste robe pasticciate con sapori insoliti per un italiano (mela, uvetta e maionese?), adesso devo provarla!

    Rispondi
  9. aniloap

     /  22/04/2013

    Questa e’ l’insalata della mia mamma British. Quando ero piccina tutte le mie amiche rimanevano shoccate… altri tempi..!
    mamma pero’ metteva lo yogurt al posto della mayo…decisamente più light!

    Rispondi
    • 🙂 Posso immaginare lo shock di sentire questa sinfonia di sapori per la prima volta a tenera età essendo abituati solo a pasta asciutta..Un’ottimo consiglio, lo yogurt ci starebbe ugualmente bene. Un abbraccio!

      Rispondi
  10. Zanim w ogóle usłyszałam nazwę Waldorf Salad, zawsze jadałam w domu polską wersję tej sałatki tzn. z utartą bulwą selera i z kwaśną śmietaną, teraz też robię z jogurtem i nawet nie muszę dodawać rodzynek i orzechów, połączenia jabłka i selera jest cudne. U nas funkcjonuje jako surówka obiadowa 🙂
    Ochoty mi narobiłaś Twoimi fotkami, jak nie dzisiaj to w najbliższych dniach ‘wjedzie’ u nas na stół.

    Rispondi
    • Moja mama robila wlasnie te wersje, o ktorej piszesz. Ja uwielbiam selera naciowego i dzieki temu slkladnikowi odkrylam te salatke na nowo. Zrobilismy troche grzanek, scamorze z patelni i byla to nasza pierwsza uczta na otwartym powietrzu w tym roku, smak wiosny w pelni 🙂

      Rispondi
  11. oh, aż mnie do Europy na moment przeniosłaś 🙂
    a seler to ja chyba lubię pod każdą postacią 😉

    Rispondi
  12. Ottima direi!

    Rispondi
  13. buona, fresca e croccante!!! la devo provare 🙂 ciao cara!

    Rispondi
  14. Iwona, le tue “quattro mosse” in cucina sono un’innovazione che dovremmo prendere ad esempio!! 🙂 MI PIACEEEEEEEEEEEE 🙂

    Rispondi
    • Grazieeee! Evviva la pigrizia 😉 Scherzi a parte, credo in cucina semplice e gustosa, ma ammiro anche le meravigliose creazioni di alta cucina.

      Rispondi
  15. Adoro la Waldorf, come molte altre insalate che non fanno parte delle nostre tradizioni ma sono entrate nelle nostre abitudini moderne. A Natele l’ho servita tra il piatto di pesce e quello di carne al posto del sorbetto. Sono molto piaciute sia l’idea che l’insalata. Grazie della visita, a presto.

    Rispondi
    • Un’ottima idea! La Waldorf è stata una rivelazione per me, un sapore inconfondibile e fresco. Grazie a te, Silva, saluti!

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: