Live Your Life…

Tra i nostri libri preferiti che hanno conquistato un posticino sulla piccola libreria accanto al letto di Federico ci sono tre titoli di Maurice Sendak: Where the Wild Things Are, Luca la luna e il latte, Il lupo ballerino, tutti e tre li ho avvicinati con qualche perplessità al inizio. Ma una volta catturata dalla sfrenata fantasia dell’ autore, il suo amore per i dettagli, la sua intelligenza e intrigate senso d’umorismo sono diventata la sua devota fan e vi consiglio vivamente di conoscerlo se non lo avete già fatto.

Maurice Sendak nato a Brooklyn da genitori ebrei polacchi Sarah Schindler e Philip Sendak nel 1928 era ultimo di tre figli, dopo il fratello Jack e la sorella Natalie, il più debole e soggetto a malattie. A causa di problemi di salute spesso rimaneva a lunghi periodi a casa durante a quali leggeva e disegnava in continuazione.

Nel 1963, Sendak pubblicò Nel paese dei mostri selvaggi. La storia di un bambino che, dopo aver fatto i capricci, viene messo in castigo nella sua stanza e decide di scappare verso il luogo che dà il titolo al libro Where the Wild Things Are (Cose selvagge, ambiguità che viene meno con la traduzione in italiano), termine che prende spunto dall’espressione Yiddish “Vildechaya”, usata per indicare i bambini molto… “vivaci”.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA  OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERA

Nel 1970 Luca la luna e il latte (In the Night Kitchen) viene pubblicato per la prima volta. Il libro è stato soggetto a diverse censure a causa del piccolo Luca, il protagonista della storia che appare per la maggior parte della storia nudo. Citando Wikipedia : “Anche design dei cuochi con baffi alla Hitler e il fatto che tentino di cucinare il protagonista nel forno costituirono motivo di scandalo. Per Sandak questi aspetti erano soltanto dei riferimenti all’olocausto, una evento storico che l’autore sentiva particolarmente a cuore in quanto di origine ebraica. Luca, la luna e il latte appare tutt’ora nella lista dei libri contestati o banditi dalla American Library Association. È al ventunesimo posto nella lista dei “100 libri più contestati degli anni novanta”.” Personalmente, io vedo Ollio e non Hitler…

OLYMPUS DIGITAL CAMERA  OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Nel 1999 Sendak crea delle bellissime illustrazioni per Swine Lake ovvero Il lupo ballerino di James Marshall, una espressione del suo amore per la musica classica e il balletto.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Nel settembre 2008 Sendak ha dichiarato di essere omosessuale, e di aver vissuto con il suo compagno, lo psicoanalista Eugene Glynn, per cinquant’anni, fino alla morte di quest’ultimo nel maggio 2007. Sendak aveva sempre taciuto la cosa per paura di compromettere la sua carriera come scrittore per l’infanzia, inoltre non ha mai rivelato la verità ai suoi genitori. È scomparso nel 2012 all’età di 83 anni di un attacco cardiaco.

La sua riflessione sulla infanzia mi ha colpito particolarmente, essendo anch’io costantemente affascinata dal processo di formazione (intellettiva, fisica ed emozionale) dei miei bimbi.

My great curiosity [is] about childhood as a state of being, and how all children manage to get through childhood from one day to the next, how they defeat boredom, fear, pain and anxiety and find joy. It is a constant miracle to me that children manage to grow up.”

Infine, se avete tempo vedete questa animazione, un omaggio molto speciale, 5 minuti di bellezza, tenerezza e commozione.

Annunci
Articolo precedente
Lascia un commento

12 commenti

  1. Śliczny ten wywiad. Szkoda, że wcześniej nie poznałam tych ksiażeczek i autora. Moje dziecię już jest za duże na nie – choć kto wie 🙂

    Rispondi
  2. Prawda? Mowi z prostota o rzeczach bardzo trudnych..To ten rodzaj ksiazek, ktore dla czytelnika w kazdym wieku oferuja cos ciekawego. Pozdrawiam 🙂

    Rispondi
  3. ilmiograndecaos

     /  23/04/2013

    In effetti conosciamo Nel paese dei mostri selvaggi ma in casa non ha destato molto successo (forse non l’ho letto io con entusiasmo….). Abbiamo visto anche il film.
    La bibliotecaria mi diceva che Luca la luna e il latte è stato un must anni fa!

    bella la tua libreria multilingue ;)!!

    Rispondi
    • Grazie!
      Non è stato amore a prima vista, ma come dire…trovo i suoi libri unici, sofisticati e molto “new yorkesi”. Adesso apprezzo molto il suo stile.

      Rispondi
  4. Alex

     /  23/04/2013

    Grazie per i ricordi ! Non solo conosco Sendak, ma sono stato cullato dai suoi libri (posso ancora recitare a memoria : nel paese dei mostri selvaggi, che si chiama : Max et les maximonstres, da noi)….davvero fortunato il piccolo Federico 🙂

    Alex

    Rispondi
    • Invece dovrei ringraziare a te per un commento (e un ricordo) così bello…e poi, davvero fortunata la mamma, Fede e Ale sono fantastici e amano i libri. Ciao Alex!

      Rispondi
  5. Ecco una bella libreria! A portata di bambini! Per Sendak, almeno “nel paese delle creature selvagge” dovrebbero leggerlo tutti….specialmente da adulti ;)))

    Rispondi
  6. Tu mi stupisci sempre piacevolmente. Bello avre qualcuno che ti guida alla scoperta di questi meravigliosi mondi!
    Credo forse di aver visto un film su questi personaggi.
    Unpizzico triste però.

    Rispondi
    • Ti ringrazio per queste parole così gentili 🙂 Ho sempre voluto condividere le cose belle che leggo, vedo, sento e questo blog me lo permette.
      Effettivamente Sednak esplora sempre la natura tormentata di un essere umano, anche quando si tratta di un essere umano che ha appena 3 anni.
      Un abbraccio!

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: