L’insostenibile complicatezza dell’essere

Tutto è complicato.  Le strade a senso unico ti portano in Portogallo prima che arrivi sul piazzale imboscato dell’ ufficio comunale, sui documenti manca sempre una firma, o un numero e dopo una tappa in profumeria scopri che il rossetto che amavi così tanto non verrà  più prodotto, MAI.  Niente è semplice. Ogni cosa richiede il suo tempo.

Tutto è complicato perché anche noi siamo complicati, ci manca sempre qualcosa, e i cambiamenti  anche piccoli ci lasciano di stucco.  Quando cominciamo ad essere complicati, capiamo che niente è semplice. Succede presto, troppo presto. A practical example? Ho voluto cambiare la disposizione dei giochi e del tavolino con le sedie dei ragazzi, per farli giocare liberamente, e stare insieme a disegnare..al ritorno dall’asilo Federico vedendo i cambiamenti è uscito di se..pianti, urla “mamma, non era così!”  e “rimetti subito tutto in ordine!”.  Mi è dispiaciuto per la sua disperazione, con calma spiegavo il motivo dei cambiamenti. Dopo un’oretta giocava tranquillo, pienamente appacificato..come succede alla fine a tutti noi.

La piccola Irene invece vive ancora all’interno del suo mondo governato dalla coppia reale:  sonno-pappa.

Vi volevo far vedere alcune foto che ho fatto nel giorno del suo battesimo (per la privacy bla, bla, bla, sta di fatto che non posso far vedere le facce dei genitori e familiari..)

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA OLYMPUS DIGITAL CAMERA

??????????????????????????????? OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

P.S. Si prega a chi sta la su, di smettere di buttare l’acqua a secchi. Ridateci il sole!!

Annunci
Articolo precedente
Lascia un commento

12 commenti

  1. Che tenerezza!…..

    Rispondi
  2. Da mangiare di baci!

    Rispondi
  3. Hai ragione a secchiate.
    Sante parole.
    Bella Irene.
    E belli anche i colori, nonostante la chiesa fosse scura.
    Peccato le inquadrature storte. Le amate in molti.
    Io invece tendo a tagliare le teste e a prendere gli sguardi.
    Dove eravate?
    Affreschi bellissimi.

    Rispondi
    • La mia teoria? Le inquadrature storte sono segno di insicurezza..e io ero molto ansiosa cercando di fare un bel servizio fotografico pur non essendo una professionista. Cmq da 300 foto ho scelto 50 di cui ca.15 % sono “storte” quindi direi che tutto sommato va bene. ..mi sembra allora che ho tanti vizi..anche io tendo di tagliare le teste e concentrarmi sugli occhi 🙂 Ci sono stata prima volta in questa chiesa, è davvero bella.

      Rispondi
  4. Chiesa molto bella e io invece ho sempre adorato i piccoli cambiamenti di posto 🙂

    Rispondi
  5. Ai bambini fa bene l’ordine delle cose. Ma fa anche bene di fare cose all’improvviso a volte per stimolare la curiosità. Brava prof!

    Rispondi
  6. ma che dolcezza Irene… bello il suo mondo sonno-pappa e immagino anche di tante coccole :D… complimenti siete proprio tutti speciali! ❤

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: