Il sedere del re e altre storie pungenti

Cosi felicemente rasserenati siamo entrati nel periodo di lunghe serate autunnali. Ci dedichiamo alla lettura, contemplazione della condizione umana e consumo sfrenato del cioccolato caldo e dei fazzoletti di carta, perché, visto la stagione, siamo raffreddati in tre. Tachipirina è la nostra signora.
Oggi vi presento quattro libri che abbiamo scoperto con Federico e che sono entrate con furore nella lista “mamma, stasera leggiamo…”. Domani invece vi vorrei parlare di un libro che mi ha fatto compagnia in due notti insonni (bimbi con la febbre raramente soffrono in silenzio..).

Tornando ai titoli per piccini. Max Velthuijs è un autore molto interessante, le sue storie raccontano le situazioni critiche , l’esperienza di passaggio tra ingenuità e coscienza. Conoscevamo già “Ranocchio e il merlo” la storia di un primo incontro con la morte, questa volta “Ranocchio è un ranocchio”  (bohem press) parla di presa di conoscenza dei propri limiti e del fatto che siamo tutti unici. “Il sedere del re” di Raquel Saiz e Evelyn Daviddi (Logos) è una storia buffa, un giorno il re si trova un ago conficcato nel suo didietro reale ma nessuno si sente abbastanza all’altezza per aiutarlo. “Nestore” di Quentin Greban (La Margherita Edizioni) insegna di non giudicare dall’apparenza, invece “Orso panda” di Marco Furlotti (Acco Editore), personalmente non mio favorito, ma piace a Fede, racconta come un orso polare grazie alla sua voglia, determinazione e amicizie è diventato un orso panda.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Annunci
Lascia un commento

8 commenti

  1. Dì la verità, non vedevi l’ora di intitolare il post con il sedere del re? :D. Che poi, non si capisce perché i sederi dei re son sempre tanto brutti!

    Rispondi
  2. Sembrano tutti adorabili. Io adesso ,sto leggendo ai miei un libro di storie in estone, che ci ha regalato mio padre. Visto il suo senso d’umorismo non poteva che titolarsi:”La cacca e la primavera” – quella storia parla di una cacca di cane al parco che si sposa con un tarassaco 😀 Ma ci sono ancora tante altre storie molto particolari e fantasiose 😛 Buon inizio settimana e spero che state tutti meglio! ❤

    Rispondi
    • “La cacca e la primavera”..già mi sento attratta 🙂
      Qui ci sentiamo più come la cacca visto che la primavera ci ha abbandonati..e ha lasciato la tonsillite 😦

      Rispondi
  3. Bello che hai conosciuto Max Velthuijs. A noi olandesi piace un sacco. Ci sono anche dei piccoli film brevi. Mi piacciono anche le illustrazioni di Nestore però! Ciao!

    Rispondi
    • Grazie per la dritta! Max V. mi piace davvero molto, fantasticavo persino sulla possibilità di filmare una delle sue storie con i bambini come protagonisti (ho un amico, un bravo filmmaker), ma sono troppo incasinata per ora 😦 Nestore è meraviglioso, vero? Le illustrazioni cosi delicate e curate si vedono ormai poco.

      Rispondi
  4. Adoro i libri per bambini per le loro illustrazioni, bellissimi!

    Rispondi
    • Adoro i bambini per il fatto che gli si possono leggere i libri con illustrazioni 😉

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: